COMUNICAZIONE IMPORTANTE 

DAL 6 AGOSTO 2021 L'ACCESSO ALLE TERME AVVIENE SOLO SE IN POSSESSO DI GREEN PASS OPPURE PRESCRIZIONE MEDICA PER CURA TERMALE

OCCORRE SEMPRE PRENOTARE GLI INGRESSI

Tecarterapia

Un trattamento elettromedicale per un recupero più veloce dopo traumi e per patologie infiammatorie a carico dell'apparato muscolo-scheletrico. 

 RICHIESTA INFO 

 

Che cosa è la TecarTerapia?

Tecnicamente la tecar è un apparecchio elettromedicale che genera un campo magnetico, è collegato ad una piastra metallica e un manipolo, quest’ultimo viene passato dalla fisioterapista sulla zona da trattare. Nella zona compresa tra la piastra e il cono d’azione del manipolo, si genera, proprio per effetto del campo magnetico, un flusso energetico, il quale, attraversando i tessuti, li riscalda dall’interno.
Questo aumento di temperatura, definito “endogeno” proprio perchè si sviluppa dall’interno e vi resta concentrato innesca una cascata di reazioni benefiche nell’organismo, che contribuiscono a rendere più veloce il processo di recupero: il calore infatti favorisce la vasodilatazione a livello dei vasi sanguigni e linfatici nella zona trattata, determinando così un maggiore afflusso di sangue.

Ciò concretamente significa che il corpo viene aiutato e stimolato ad autoguarirsi da solo, in quanto viene resa più rapida la risoluzione del processo infiammatorio in atto e lo smaltimento dei suoi cataboliti.

La Tecar terapia inizialmente è stata utilizzata prevalentemente per gli sportivi infortunati, di modo da guarire più velocemente.

Oggi invece ha assunto contorni differenti ed è utile a tantissime categorie di persone anche non sportive: dagli anziani che hanno patologie legate all’età, individui con patologie connesse all’attività lavorativa, alla sedentarietà, ect.

La Tecar viene utilizzata anche in campo estetico grazie all’azione rigenerante del tessuto profondo del derma.

 

Indicazioni terapeutiche

La Tecar è indicata per trattare sia problematiche acute che croniche ed è particolarmente efficace nella cura di patologie articolari e muscolari, traumi, tendinopatie, patologie dei nervi, dolori e infiammazioni di varia natura.

La Tecarterapia è in grado di accelerare i processi rigenerativi naturali dell’organismo e in particolare le riparazioni cellulari, inoltre è in grado di ridurre il dolore con il vantaggio di velocizzare il recupero dal trauma o dalla problematica che ha colpito il corpo. Infatti è per questo che è molto utilizzata nel trattamento degli sportivi grazie ai suoi risultati particolarmente rapidi.

Quando è consigliata la tecarterapia?

Alla luce di tutto ciò si può comprendere la grande versatilità di questa terapia; essa infatti può essere utilizzata in caso di:

  • lesioni muscolari (contusioni, elongazioni, stiramenti e strappi),
  • lesioni ai tendini (rotture, tendiniti, tendinosi),
  • lesioni ai legamenti,
  • problematiche articolari (condropatie, artrosi, artriti),
  • traumi (distorsioni, contusioni, fratture),
  • edemi ed ematomi,
  • borsiti ed infiammazioni dei tessuti molli,
  • patologie del rachide (cervicalgie, lombalgie e lombo-sciatalgie),
  • lesioni del menisco,
  • pubalgia,
  • fascite plantare,
  • sindrome femoro-rotulea,
  • sindrome da conflitto della spalla,
  • riabilitazione post-operatoria.

Quanto tempo dura la tecarterapia? 
Durata dell'applicazione e numero di applicazioni

La durata di ogni seduta di tecarterapia è di 25 minuti. 
A seconda dei casi può essere indispensabile un numero maggiore o minore di applicazioni.  In genere occorrono tra le 5 e le 10 sedute di tecarterapia. I primi benefici si avvertono già dalle prime applicazioni ma per un risultato più efficace e duraturo conviene completare il ciclo di sedute preventivate.

 

Quanto costa una seduta di tecarterapia?

Il prezzo della singola seduta di tecarterapia è di 30 euro.

Chi vuole abbinare alla seduta di Tecar anche l'ingresso alle Terme per un'azione ancora più proficua e dei risultati più veloci e duraturi, può contattarci via mail.

 

 RICHIESTA INFO 

A chi non è consigliata: controindicazioni

  • Donne in gravidanza
  • Portatori di pacemaker
  • Epilessia
  • Neoplasie in atto